Estratti dall’opera: Le Tarot des Bohémiens, Paris 1889 – Trad. dal francese, adattamento e note di Daniele Duretto

La Papessa è il riflesso del Divino nell’Uomo, il ricettacolo dello spirito e il manifestarsi della sua potenza e autorità

La seconda lettera ebraica (Bet, ב)

La lettera Bet esprime geroglificamente la bocca dell’uomo come organo di fonazione. La parola è il prodotto del sé interiore dell’uomo. Bet esprime quel sé interiore, essenziale come una dimora, in cui ci si può ritirare senza paura di essere disturbati. Da qui sorge l’idea del Santuario, di uno spazio inviolato sia per l’uomo che per Dio. Bet esprime anche ogni produzione che emana da questo misterioso ritiro, ogni attività interna, e da esso scaturiscono le idee di Istruzione, di Conoscenza superiore, di Legge, di Erudizione, di Scienza occulta o Cabala. Bet corrisponde al numero 2 e astronomicamente alla Luna. Il numero ha dato nascita a tutti i significati passivi emanati dal Binario, da cui l’idea di riflesso, di Donna; si applica alla Luna in relazione al Sole, e alla Donna in relazione all’Uomo.

Significati della carta

Dio, o Dio Padre, riflette se stesso, e dà nascita al Dio Uomo, o Dio Figlio [1], come negativo del suo creatore. L’uomo è il recettore del divino, quindi la seconda carta del Tarocco esprime l’idea della prima carta concepita negativamente. La prima carta rappresenta un uomo in piedi; questa, al contrario, ha la figura di una donna seduta: prima idea di passività, attraverso la donna e la sua postura.

  • L’uomo, dotato di tutti gli attributi del Potere, è in mezzo alla natura. La donna è adornata con tutti le caratteristiche dell’Autorità e della persuasione, ed è assisa sotto il portico del tempio di Isis, tra due colonne.

Idea della sacra dimora, di un ricettacolo divino. Le due colonne, come le braccia del

Magus, esprimono il positivo e il negativo.

  • La donna è incoronata con una tiara, sormontata da una luna crescente; è avviluppata da un velo trasparente che le ricopre il volto. Sul suo petto porta la croce solare, e sulle sue ginocchia giace un libro aperto, coperto parzialmente dal suo mantello.

È la figura di Isis, della Natura, il cui velo non deve essere sollevato di fronte al profano. Il libro parzialmente coperto indica che le dottrine di Isis sono donate, ma ella divulga solo ai maghi i segreti della vera Cabala e della scienza occulta [2].

La prima carta esprime Osiride nei tre mondi; la seconda ci dà il significato di Iside, la compagna di Osiride:

  • In Dio è il riflesso di Osiride, il Dio Padre: Iside, o Dio Figlio.
  • Nell’Uomo è il riflesso di Adamo: Eva, la donna, la vivente.
  • Nell’Universo è il riflesso della Natura naturante: la Natura naturata.

Riepilogo generale

2 ISIS
AFFINITÀ SIGNIFICATI
Geroglifico La Bocca dell’Uomo Chiave della carta HE – HE
Cabala Chokmah Riflesso di Dio Padre o Osiride
Astronomia La Luna Dio Figlio
Giorno della settimana Lunedì Iside
Lettera ebraica Beth ב YOD di HE
     
    Riflesso di Adamo
    Eva
    La donna
    HE di HE
     
    Riflesso della Natura naturante
    Natura naturata
    VAU di HE
     
    seconda HE di HE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...